Decerante per cotto: cos’è, a cosa serve e come usarlo per i trattamenti

Date:

Quando occorre impermeabilizzare il pavimento in cotto è importante usare il decerante per cotto. Si tratta su un tipo di pavimento davvero molto bello e molto resistente, anche se soggetto ad umidità, macchie e muschio. Di conseguenza, le piastrelle in terracotta richiedono una manutenzione regolare e un trattamento impermeabilizzante per conservare il loro fascino leggendario. Allora come impermeabilizzare la terracotta? Utilizzare un buon cotto idrorepellente e resina tomette per questo tipo di piastrellatura è la soluzione migliore e anche affidarsi ad aziende recandosi su www.lindaimpresa.it.

 

Come stuccare il cotto?

Le piastrelle in terracotta sono un’ottima opzione per coloro che vogliono portare un aspetto caldo ma autentico alla propria casa. Inoltre, è importante sapere che la terracotta ha il vantaggio di far traspirare il supporto, fornendo al contempo una migliore temperatura, grazie alla sua inerzia. 

Se, ad esempio, la scelta è di optare per il riscaldamento a pavimento, è importante presente che la pietra naturale favorisce notevolmente il risparmio energetico nel riscaldamento a pavimento rispetto alle piastrelle in cemento.

 

Prima di pensare alla ricerca di un impermeabilizzante in cotto, che quindi va fatto almeno due settimane dopo la stuccatura del cotto, diventa necessario posare le vostre piastrelle in cotto. 

Innanzitutto, per realizzare un giunto in cotto, è necessario preparare il terreno. Piastrelle in terracotta smaltata, piastrelle antiche o moderne vanno idealmente posizionate su una lastra di cemento a calce, a cui è possibile aggiungere palline di argilla se necessario.

 

Come rendere lucente il cotto?

Per esaltare la lucentezza delle piastrelle in terracotta, è possibile utilizzare l’olio di cera in uno strato sottile, tuttavia la soluzione migliore è comunque utilizzare un decerante per cotto e mettere un idrorepellente per impermeabilizzare. A parte questo, è necessaria una regolare sverniciatura e manutenzione delle piastrelle in terracotta e non richiede necessariamente l’intervento di un professionista.

 

Occorre anche sapere che pulire un pavimento in pietra naturale poroso è piuttosto complicato. Inoltre, non è possibile utilizzare mai un prodotto anticalcare o un detergente come aceto bianco, alcol o altro. Questi prodotti, infatti, particolarmente efficaci sul posto, si dimostrano aggressivi e indeboliscono un pavimento che all’inizio è molto resistente. Inoltre, il bel colore rosso vivo delle piastrelle del pavimento può diventare opaco sotto l’effetto dell’anticalcare. D’altra parte, non utilizzare mai un pulitore a vapore nemmeno sulle piastrelle di terracotta, poiché a lungo termine è dannoso per le fughe del pavimento.

 

Per una pulizia ottimale del pavimento, è sufficiente utilizzare il sapone liquido e un mocio umido una volta alla settimana, quindi risciacquare con abbondante acqua.

Una volta igienizzato il pavimento in cotto, non deve mai essere lasciato umido a lungo. Infatti, essendo particolarmente poroso, può danneggiare rapidamente se lo si lascia asciugare da solo. Quindi usare un asciugamano in microfibra o un panno dopo il lavaggio per un’asciugatura manuale delle piastrelle.  

 

Cos’è la sverniciatura del cotto e delle tomette? 

 

È qui infatti che si procede alla rimozione dei vecchi strati di cera dal supporto. È possibile eseguire questa operazione manualmente o utilizzando i prodotti di stripping della gamma. Un’altra alternativa è utilizzare una spazzola a disco professionale mono e un controllore di irregolarità. Qualunque sia la scelta, serve indossare mascherina e guanti protettivi perché la maggior parte dei prodotti sono tossici.

 

Dopo la sverniciatura, occorre attendere un tempo di asciugatura che varia in base allo spessore del pavimento e al suo livello di umidità. Possono essere necessari dai 3 ai 20 giorni circa. Una volta asciutto, il pavimento in cotto ha nuovamente bisogno di un trattamento protettivo, da qui l’interesse ad acquisire un cotto e tomette idrorepellente. Questa impermeabilizzazione in terracotta e tomette può essere opaca o lucida a seconda dei gusti. La sua missione è quella di evitare che qualsiasi prodotto liquido penetri nelle fughe, il che può creare usura sulle piastrelle porose del pavimento. 

 

Alcuni consigli per ottenere un bel pavimento in cotto

In generale, affinché l’estetica finale del pavimento sia un successo, la scelta e la realizzazione delle fughe delle piastrelle in cotto è fondamentale. Pertanto, occorre prestare attenzione alla scelta del colore in modo che le fughe e le tomette possano sposarsi perfettamente e offrire un design strutturato all’insieme. Per quanto riguarda il colore delle fughe, quindi, assicurarsi che sia leggermente più chiaro di quello delle piastrelle del pavimento. 

 

La posa delle piastrelle per pavimenti va  effettuata 2 settimane prima che siano impermeabilizzate con il cotto e l’idrorepellente per piastrelle. Nel frattempo, l’ultimo passaggio per un risultato positivo è installare i battiscopa come finitura. Le piastrelle e le fughe sporche possono essere trattate con l’aiuto del rifinitore per cotto e piastrelle per pavimenti. 

Il trattamento antimacchia idrorepellente e oleorepellente va applicato su una superficie pulita e ordinata.

 

Share post:

Popular

Atre notizie Simili
Related

Cosa fare quando la lavatrice perde acqua

La lavatrice è uno degli elettrodomestici più importanti in...

Sito responsive o sito mobile: quale scegliere e perché

Creare un sito responsive o mobile? È questo il...

Creazione siti internet: 5 errori da non commettere assolutamente

L'ambito relativo alla creazione siti internet si configura come...

Sala posa fotografica professionale

Il luogo adibito allo scatto di fotografie per la...